Museo Antichità

Alla scoperta della storia dei cowboy: la Chilsom Trail dal Texas al Kansas

Nella storia americana i cowboy giocarono un ruolo importante nella colonizzazione dell’Ovest. Il ranch rappresentava una grande industria e i cowboy erano una sorta di operai che aiutavano a gestire i ranch.

Radunavano il bestiame, riparavano i recinti, costruivano edifici e si prendevano cura dei cavalli e del bestiame.

In particolare, si occupavano delle mandrie di bovini, dei loro trasferimenti da una zona e l’altra del paese, nei mercati designati alla vendita del bestiame.

Le mandrie di bestiame erano un lavoro duro. I cowboy si svegliavano presto la mattina e “guidavano” la mandria fino al prossimo punto di sosta per la notte. I cowboy più anziani stavano nella parte anteriore della mandria. I giovani cowboy stavano alle spalle (purtroppo in mezzo alla polvere sollevata dal grande branco).

Di solito c’erano circa una dozzina di cowboy per una mandria di 3000 capi di buona taglia. Nella spedizione non mancava mai una guida del territorio e un cuoco da campo.

CURIOSITÀ SUI COWBOY

Ogni primavera e autunno i cowboy lavoravano al roundup o rastrellamento, ovvero radunavano tutto il bestiame che si trovava in campo aperto. Infatti, i bovini vagavano liberamente per gran parte dell’anno nella prateria e quindi i cowboys avevano bisogno di radunarli prima di condurli alle loro destinazioni. Al fine di dire quali capi appartenevano a quale ranch, il bestiame era preventivamente “marchiato” a fuoco.

I cowboy possedevano generalmente solo un cavallo e una sella, che erano le cose più preziose per lui. I cavalli erano talmente importanti che il furto di cavalli era considerato un reato punibile anche con l’impiccagione.

I cowboy indossavano indumenti speciali che li aiutavano nel loro lavoro. Portavano grandi cappelli per proteggerli dal sole e dalla pioggia. Indossavano stivali da cowboy speciali con le punte dei piedi che li aiutavano a scivolare dentro e fuori dalle staffe quando cavalcavano. In questo modo, se cadevano, non rischiavano di essere trascinati dal loro cavallo. Un altro importante indumento era la bandana che poteva essere usata per proteggersi dalla polvere sollevata dai bovini.

cowboy

I cowboy del Vecchio West avevano un codice non scritto in cui vivevano. Il codice includeva regole come essere cortesi, non guidare mai il cavallo di un altro senza il suo permesso, aiutare sempre qualcuno nel bisogno e non indossare mai cappello di un altro uomo.

Quando vivevano in un ranch, i cowboy vivevano in un dormitorio con molti altri cowboy.

I cowboy spesso cantavano canzoni di notte per l’intrattenimento e per lenire il bestiame. L’armonica era uno strumento musicale popolare per i cowboy perché è così piccola e facile da trasportare.

Il cowboy medio nel vecchio West guadagnava tra i $ 25 e i $ 40 al mese.

Ecco in breve uno degli itinerari più suggestivi della storia dei cowboy.

DAL TEXAS AL KANSAS: LA CHISHOLM TRAIL

Se state programmando un viaggio sulle strade dei cowboy vi suggeriamo di percorrere la Chisholm Trail, che quest’anno raggiunge il suo 150 ° anniversario, ed è considerato il più famoso sentiero attraversato dai cowboy e dalle loro mandrie in tutti gli Stati Uniti e nel mondo.

Tra il 1867 e il 1884, circa 5 milioni di capi di bestiame, e un milione di mustang, furono portati dal Texas alle ferrovie del Kansas. Fu la più grande migrazione di bestiame mai registrata, e consacrò la figura del cowboy nella storia americana: il duro, orgoglioso, solitario cowboy del Texas. Il Chisholm Trail è stato celebrato in almeno 27 film di Hollywood; il migliore è ancora probabilmente Red River (1948) con John Wayne e Montgomery Clift.

Il nome del trail deriva da Jesse Chisholm che non era, contrariamente a quanto si pensa, uno dei primi allevatori di bestiame del Texas, né un cowboy che guidava mandrie di bestiame in questo percorso. Mezzo indiano Cherokee e mezzo scozzese, Chisholm era un commerciante, esploratore e diplomatico, che fece da intermediario a molte importanti trattative di pace tra bianchi e indiani in Texas e in Oklahoma. Diventò famoso come “l’ambasciatore delle pianure”.

Ecco le tappe da non perdere lungo la Chilsom Trail.

fort worth chisholm trail

Fort Worth, Texas

La città divenne nell’’800 un importante centro della industria del bestiame, guadagnandosi il soprannome di “Cowtown”. A pochi isolati da Sundance Square troverete una delle attrazioni più interessanti di Fort Worth: il Chisholm Trail Mural. L’omaggio di Richard Haas del 1988 alle storiche attività di bestiame di Cowtown del 19°secolo, è un murale alto tre piani.

Inoltre, se si visita il distretto storico nazionale di Stockyards, si può avere un’idea di della vita dei cowboy. Infatti, per due volte al giorno viene rappresentata una manifestazione che inscena dei cowboy dal vivo che sfilano per alcune vie della città.

Waco, Texas

Durante l’era di Chisholm Tail, il traffico principale attraverso Waco, in Texas, era esclusivamente bestiame e cowboy. Per guadare il fiume Brazos, fu costruito nel 1870 un imponente ponte di 475 piedi che fu il primo grande ponte sospeso nello stato e l’unico ponte per attraversare i Brazos in quegli anni. Era abbastanza largo da permettere alle diligenze di passare in due versi e costruito in modo che il bestiame attraversasse da un lato e i pedoni dall’altro.

Oggi, l‘Indian Springs Park ospita sia lo storico ponte sospeso che l’ambizioso progetto di sculture di Robert Summers di Glen Rose, in Texas. Completato nel 2014 dopo otto anni di lavoro, la serie di sculture di quattro cavalieri a cavallo che guida 25 bovini longhorn onora Waco e la tradizione della Chisholm Trail Lone Star – proprio sulle rive del fiume e in vista del ponte dove quella storia ha effettivamente avuto luogo.

Cuero, Texas

Cuero, con meno di 10.000 abitanti, ogni anno muove più bestiame di quanti abbia residenti. È stato così per molto tempo, visto che la piccola città del Texas del Sud ha motivo di considerarsi il capolinea del Chisholm Trail. Il suo museo racconta la storia dei grandi allevamenti di bestiame e dei cowboy americani.

Se si arriva a Cuero per una visita, non perdetevi il barbecue – manzo, naturalmente – al Smolik’s Meats & BBQ.

Kingfisher, Oklahoma

Situato lungo quella che un tempo era la più grande pista di bestiame del mondo, il museo di Kingfisher copre la storia del famoso sentiero del bestiame e dei primi coloni pionieri che si sono stabiliti nella contea dopo la corsa alla terra del 1889. Oltre al museo principale visitate anche la Gov. Seay Mansion, costruita nel 1892, casa del secondo governatore territoriale, e un villaggio pioniere, che consiste di due capanne di legno, una scuola di una sola stanza, una chiesa e il primo edificio della banca fondato a Kingfisher.

Wellington, Kansas

Il Chilsom Trail Museum custodisce preziosi artefatti che includono oggetti militari e manufatti, mobili antichi, antichi cimeli d’affari locali e oggetti portati sul posto dai primi vagoni di pionieri e dai cowboy che percorrevano il Chisholm Trail.

PRIMA DI PARTIRE

Queste sono solo alcune delle tappe di questo itinerario alla scoperta dei cowboy americani. Il resto lo scoprirete a soli. Ora iniziate a preparavi per il vostro viaggio.
Dovete in primis munirvi del visto turistico elettronico ESTA che consente di viaggiare per gli Stati Uniti (soggiorni inferiori ai 90 giorni).

Infatti, a partire dal 12 gennaio 2009 tutti i cittadini appartenenti al VWP (programma di Viaggio senza visto) sono tenuti ad ottenere una autorizzazione di viaggio ESTA prima di imbarcarsi per gli Stati Uniti.

Per maggiori informazioni e per ottenere il vostro visto turistico senza stress andate su www.application-esta.us.