Museo Antichità

Superenalotto: come funziona

Superenalotto: come funziona

Il superenalotto è uno dei giochi più amati. Sono moltissimi, infatti, gli italiani che ogni giorno tentano la fortuna, nella speranza di diventare milionari e di potersi assicurare una rendita per la vita. Ma come funziona questo gioco esattamente? Di seguito, cercheremo di scendere più nel dettaglio e di spiegare con precisione tutte le dinamiche alla base di questo affascinante e divertente gioco.

Superenalotto: le estrazioni

Il gioco del Super Ena Lotto è davvero molto semplice. Prima di scendere più nel dettaglio, è opportuno tenere conto del fatto che esso ha preso piede nel nostro paese dal 1997 in poi. Come è facile intuire, si tratta di un gioco davvero molto giovane che, però, non ha fatto alcuna fatica a prendere piede tra gli italiani e a diventare una vera e propria abitudine. In realtà, questo gioco non è poi così differente dal gioco del lotto. Entrambi, infatti, hanno a che fare con i numeri che vanno da 1 a 90. Nel caso del superenalotto, però, il gioco è mo0lto più semplice. In pratica, l’unica cosa da fare è scegliere sei numeri e sperare che escano tutti. La fortuna, dunque, è l’elemento fondamentale. Ovviamente, non mancano anche le strategie. Gli esperti del superenalotto, infatti, hanno messo a punto numerosi studi grazie ai quali scoprire i numeri più ricorrenti o individuare quelli che, invece, non uscendo da molto tempo, hanno più probabilità di essere estratti.

Il calcolo delle probabilità

Come nel gioco del lotto, anche per il superenalotto si ha a che fare a tutti gli effetti con un calcolo delle probabilità. I giocatori, dunque, possono affidarsi alla fortuna e scegliere i numeri in maniera del tutto casuale o, al contrario, possono decidere di analizzare le precedenti estrazioni nella speranza di poter individuare la giocata vincente.

Sistemi e giocate singole

Per quanto riguarda le giocate, è importante fare presente che esse possono essere effettuate da giocatori singoli o all’interno di un sistema. Come è facile immaginare, qualora si dovesse decidere di giocare prendendo parte ad un sistema, le percentuali di vincita sono maggiori ma la somma che potrebbe essere vinta sarebbe minore poiché dovrebbe essere divisa tra i vari vincitori. Cosa fare dunque? Preferire la giocata singola o il sistema? La decisione è del tutto personale e dipende anche dalla familiarità che si ha con il gioco in questione.

Le vincite

Sono in molti a chiedersi cosa fare in caso di vittoria. Per quanto riguarda la vittoria, è opportuno tenere conto del fatto che non si vince solo quando si indovinano tutti e sei i numeri. Nel gioco del superenalotto, infatti, sono previsti anche premi minori che, comunque, sono davvero interessanti. In ogni caso, qualora si dovesse fare il cosiddetto 6, la prima cosa da tenere a mente è quella di mantenere l’anonimato. Spargere in giro la voce di aver vinto al superenalotto potrebbe non essere la scelta migliore. Il sei comporta una vincita davvero ingente di denaro e potrebbe esporre chiunque e rischi di qualsiasi genere. E per quanto riguarda la riscossione. In questo caso, ci si può rivolgere o direttamente alla Sisal o ad un notaio o alla propria banca di fiducia. Nell’eventualità in cui si dovesse optare per la banca, si deve essere consapevoli del fatto che l’anonimato potrebbe non essere assicurato. Il notaio, in questo caso, è la figura migliore sia per garantire l’anonimato che, soprattutto, per gestire e sbrigare tutte le pratiche in maniera corretta e dettagliata. Anche rivolgersi alla Sisal potrebbe essere una buona soluzione. Ciò che conta più di ogni altra cosa è non perdere il tagliando che rappresenta a tutti gli effetti un titolo al portatore. Non resta altro da fare, dunque, che augurarvi una buona fortuna e un buon gioco.